Eravamo quasi in Cielo al Teatro Sociale di Camogli

Al Teatro Sociale di Camogli il 14 Ottobre alle 21 L’ingresso è libero e i partecipanti potranno devolvere una libera offerta a sostegno del progetto dell’Associazione nazionale Vigili del Fuoco, sezione di La Spezia, finalizzato alla costruzione del nuovo complesso scolastico di Amatrice

per prenotazioni posti contattare il 3391502492 potrete ritirare i biglietti d'ingressi presso il nostro ufficio

 

andrà in scena lo spettacolo “eravamo quasi in cielo” scritto da Gianfelice  Facchetti con Marco Ciriello con la collaborazione di Piero Lorenzelli e Armando Napoletano. La pièceracconta l’eroica impresa dei Vigili del Fuoco Spezia che, guidati da Ottavio Barbieri, ebbero ragione del Grande Torino conquistando il titolo di Campioni d’Italia.

Una pièce teatrale che racconta in modo inedito una delle pagine più romantiche del calcio italiano, scritte dai pompieri  Bani, Borrini, Amenta, Gramaglia, Persia, Scarpato, Tommaseo, Rostagno, Costa, Tori e Angelini, guidati da Ottavio Barbieri.

Correva l’anno 1944; la seconda guerra mondiale era a punto cruciale e scaricava tutta la propria violenza sull’Europa.

Non veniva risparmiata, ovviamente, un’Italia divisa dalla Linea Gotica, tra le cui strade il popolo aveva l’assoluta necessità di trovare almeno un poco di normalità, dimenticando i rastrellamenti, le battaglie, il dolore e la morte.

La Federcalcio, con sede a Milano, decise di organizzare un campionato di divisione nazionale, al termine del quale sarebbe stato assegnato il titolo di Campione d’Italia. E’ in questo contesto storico che si sviluppò la leggendaria impresa dei vigili del fuoco di La Spezia, i quali, a bordo di una vecchia autobotte modificata per trasportare le squadre e sempre sotto il rischio dei bombardamenti, furono in grado di sbaragliare concorrenza, compreso il Grande Torino di Vittorio Pozzo.

L’eroica impresa rivivrà sabato 14 ottobre alle ore 21 presso il Teatro Sociale di Camogli, grazie all’opera “Eravamo quasi in cielo”, scritta e portata in scena da Marco Ciriello e Gianfelice Facchetti, figlio dell’indimenticato Giacinto, accompagnata dalle musiche degli Ottavo Richter.

In questa storia c’è tutto: la bellezza del calcio, la ferocia cieca della guerra, la speranza resa incrollabile dagli uomini di buona volontà.

L’ingresso è libero e i partecipanti potranno devolvere una libera offerta a sostegno del progetto dell’Associazione nazionale Vigili del Fuoco, sezione di La Spezia, finalizzato alla costruzione del nuovo complesso scolastico di Amatrice.

Il progetto, approvato dal comune di Amatrice, prevede la costruzione dell’intero nuovo complesso scolastico, dalle elementari alle medie, con un’annessa area sportiva munita di palestra e campo polifunzionale.